Racconti erotici

Sotto la scrivania

tumblr_l1i1034b6t1qb06k0o1_500Accucciata, nuda, spoglia, esposta, inerme, sua. Aspetto impaziente, ma la pazienza s’impara, l’insegna il Padrone. Freddo il pavimento congela, dura la scrivania ci sbatto. Guaisco, raspo, mugolo, scalcio mi scrollo da cagna. “A cuccia Molly, sta buona!” Mi spezzo le unghie e taccio, mi sbuccio ginocchia muta, ferisco la testa zitta.
Sotto la scrivania aspetto. Appoggio la testa alle Sue gambe, mi scompiglia i capelli distratto, succhio le dita che mi porge, avida, me le faccio bastare, è già tanto. Togliergli le scarpe, leccargli devota i piedi, risalire alla caviglia, l’incavo del ginocchio, la coscia, le palle il cazzo… A stento trattengo l’impulso di sfregarmi contro le sue gambe, abbassargli la cerniere, annusare il suo odore, assaggiare il suo umore, ingoiare il suo piacere. Mi scaccerebbe con un calcio, ma senza intenzione di dolore.
Aspetto, decisa a restare ai Suoi piedi, accucciata, come cagna deve aspettare.

Brevissime bdsm

Al limite del piacere

tumblr_ph7fev8lsr1uvnpth_540Saliva il Padrone nella mia bocca, sbava – fottendomi – sulla mia faccia, riempie il mio corpo come più gli aggrada, lo bagna di orgasmi e di lingua e di urina. Umori passati di bocca, bevuti dal cazzo, succhiati dalle dita, leccati dalla pelle. Infradiciata da ogni suo liquido (e mio) ne godo come cagna deve godere. Ma mai ha sputato nella mia bocca. Il Padrone concede alla sua cagna la sua unica ritrosia. Tutti hanno un limite al piacere, questo è il mio.
Un giorno, volendo, mi spingerà oltre.
Ora no.

Racconti erotici

Mantra

IMG_6782calma calma calma calma calma calma calma calma calma calma calma calma
CAZZO
Zitta, muta, buona, imbavaglia(mi)ta
calma calma calma calma calma calma calma calma calma calma calma calma calma calma calma calma
CAZZO
Suda, spingi, forza, sbatti, batti, batti, batti(mi)
CAZZO
calma calma calma calma calma calma calma calma calma calma calma calma calma calma calma calma calma calma
E lascia stare il capo treno, Cazzo!

Dissertazioni genitali

Collezioni del cazzo

IMG_6730Nella breve vita di questo blog e del mio profilo Tumbler ho collezionato un discreto numero di cazzi.
Pare che a certi maschi piaccia parecchio condividere immagini, non richieste, della prova tangibile della propria virilità. Qualcuno, educatamente saluta e invia la sua cappella arrossata in primo piano. Altri saltano i convenevoli e mostrano erezioni da viagra con vene al limite dell’esplosione. Ci sono cazzi storti, cazzi dritti, cazzi che ci provano ma non ce la fanno, cazzi che hanno avuto tempi migliori e altri che non li avranno mai.
A voi che della distribuzione iconica del vostro membro fate uno sport ho alcune cose da dire.
Intanto capisco che non siete tutti fotografi provetti, ma evitare di inquadrare calzini, tende a fiori o sanitari del bagno si può e magari l’immagine ne guadagna. In secondo luogo siamo nell’era del digitale e di cazzi è piena la rete, uno in più non fa differenza, anzi, è meglio un bel vedo non vedo che dà spazio all’immaginazione. Se poi ci si tova davanti a un’innegabile dono di natura in centimetri o diametro, usarlo come biglietto da visita può essere controproducente: anche ammesso che una sbavi al punto tale da contattarvi, dovete poi mostrarvi all’altezza della vostra lunghezza. Io qualche dubbio ce l’ho e non sono nemmeno interessata a togliermelo.
Vi parrà strano, ma una donna che scrive di sesso non necessariamente vuole farlo con voi. Soprattutto con voi che l’arte della seduzione la riducete a pixel senza nessuna messa a fuoco.
Un cazzo ha il suo valore se viene richiesto e desiderato, se ha un contorno di promesse e un crescendo di attese e se non si pensa che sia l’unico mezzo con cui soddisfare una donna. Per quello ci sono i meno impegnativi vibratori.

Cedesi collezione scadente di cazzi forse (mai) usati.

IMG_6729

Citazioni

Proiettando Molly

Un’intervista immaginaria di Faccamerika alla quale non ho preso parte, ma che mi ha divertita.

FaccameriKa!

“Siediti. Mettiti comoda. Sul letto, sul divano, dove preferisci”, le faccio.
Molly si mette sul letto.
Sorrido per la sua scelta.
“Allora?”, esordisco.
“Allora cosa?”, risponde.
“Cos’è questa storia del tuo PADRONE?”
Mi guarda stupita.
“Dunque è per questo che mi hai convocato in questo posto… Cos’è che non hai capito, che non ti è chiaro?”
“Non è che non ho capito. Solo non credo che quello che scrivi sia tutto vero al cento per cento…”
“Eccome se lo è”, si inorgoglisce.
“Forse esageri un tantinello, lo capirei… A tua detta saresti quasi una schiava di Cartagine!”
“Non so come erano le schiave a Cartagine. Ma sì, io sono una schiava. Sono la schiava del mio Padrone…”
“Molly, basta stronzate. Ma che schiava e schiava! Schiava… nell’anno 2018?!”
“E allora? Pensi forse che la schiavitù non esista più?”
“Non è che non esistano più le schiave, per carità! Però in…

View original post 455 altre parole