Racconti erotici

Attese distese


Sdraiata sul letto nel tardo pomeriggio godo del refrigerio del condizionatore. La camera è in penombra, quasi al buio che la luce è calore in estate, anche quando non batte il sole. Sto ad occhi chiusi in attesa, ad ascoltarmi respirare. La doccia ha lavato via il sudore di una giornata, due viaggi, un lavoro, commissioni. Ora ho fatto tana e non mi muovo più. La chiave nella toppa, la porta che cigola e poi sbatte, il passo del Padrone. Chiavi sul tavolo, frigo che sia apre, tintinnare di bottiglie, la porta del bagno, rubinetto, sciacquone… peccato!
Immobile aspetto di vederlo entrare in camera, salutarmi, baciarmi, guardarmi nuda distesa coi piedi sui cuscini, anche il suo, per sfida.
Non accende la luce ma dal corridoio filtra. Non saluta e non bacia, ma guarda. Si sofferma sul mio piede destro appoggiato al suo cuscino. Gli sorrido sorniona con la testa rovesciata. Non ricambia. Fa il giro del letto mi afferra l’alluce e sposta il piede dal guanciale.
Squilla il mio cellulare.
“E’ la telefonata di lavoro che aspettavo, non sarà una cosa breve…”
Lui non risponde, mi allunga il telefono da sopra il comodino e comincia a spogliarsi. Io rimango a fissare il soffitto parlando al cellulare, giocando a spostare i cuscini coi piedi. La sua presenza nella stanza diventa sottofondo, finché non mi ricorda che non devo dimenticarlo. Mi allarga le gambe tirandomi verso il bordo del letto e tuffa la testa nella mia figa. Mi si tronca la frase a metà, mi sfugge un urlo di sorpresa, mi scuso al telefono “no, nulla, sono scivolata.” Sgrano gli occhi e lo guardo mentre la sua lingua fa il giro delle mie grandi labbra. Mi solleva le gambe piegandole sul petto e ogni movimento provoca sussulti da nascondere al microfono. Mi fissa sorridendo ora, ma non di cortesia. Riprendo a parlare ostentando calma, scegliendo le parole come avessi smarrito improvvisamente il vocabolario. In ansia aspetto il momento in cui si getterà sul mio clitoride e lui, per farlo, aspetta il momento in cui porterà maggior danno alla mia conversazione e di nuovo mi si strozza la voce e tossisco forzata per dissimulare. Dall’altro capo del telefono inizia un lungo monologo che chiarisce date, orari, sequenze di eventi, nomi, luoghi. A malapena riesco ad annuire, figuriamoci a capire. Non dover parlare argina i danni, ma il Padrone smette di leccarmi e avvicina il suo cazzo alla mia figa aperta. Scuoto la testa pregandolo con gli occhi di non infierire, come se non sapessi di ottenere l’effetto opposto. Ingenua… Forse. Inizia a scoparmi con colpi decisi ed ad ognuno sussulto e devo tapparmi la bocca da sola per non farmi sentire al telefono. Mi toglie la mano, la blocca sul letto, allontano il cellulare dalla bocca. Un suono indistinto di parole all’altro capo. Ogni tanto annuisco all’apparecchio tra un sussulto e l’altro. Poi finalmente si tace. Saluto veloce pregando di inviare un promemoria scritto, “vedi mai mi sia sfuggito qualcosa”. Nel momento in cui spengo il cellulare, Lui smette di scoparmi e si sfila da me. Ci vogliono scuse e preghiere e moine perché infili due dita nella mia figa e inizi a frugare fino a farmi squirtare.
Domani leggerò la mail al lavoro.

29 pensieri su “Attese distese”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...