Racconti erotici

Nella rete delle calze


Sul letto, aspetto che arrivi il Padrone.
Un esperimento.
Mai piaciute le calze a rete, mai messe, mai volute.
Un’avversione e le avversioni vanno messe alla prova. Ho scelto dei collant aperti. Scoperto il pube liscio, la figa, il culo. Esposta. La rete mi infastidisce e solo indossando le décolleté nere mi trovo accettabile. Mi rilasso e mi sdraio ad aspettare, prona, come devo stare. I Suoi passi arrivano sulla soglia. Silenzio. Non mi giro, immobile a un Suo “Ferma!” che mi bagna all’istante. Rumori di scatole aperte, fruscii, si sfila la cintura dai pantaloni. Mi afferra le caviglie e mi tira a bordo letto, la cinghia attorno ai polsi a legare le mani dietro la schiena, mi solleva il culo in aria, la faccia sprofondata nel materasso. “Guardati!” dice, spostando le lenzuola e lo specchio per farmi vedere. “Una cagna in calore!” Mugugno quando affonda le dita nella figa per sentire se sono pronta e scivola dentro e mi fruga e gratta e spinge finché non mi sente urlare, ma un attimo prima di farmi squirtare si ferma: “No, oggi no!” Non ho tempo di maturare la delusione, Lui affonda la faccia passando dal culo alla figa, leccando, succhiando, penetrando con la lingua e con le dita, io gemo, e mugugno e urlo e prego che mi sleghi, voglio stare a 4 zampe come una cagna deve. Le mani libere mi costano un plug nel culo che si apre senza sforzo. Il Padrone prende ciò che è suo! Poi molla la presa e il plug si sfila ed esce alla prima contorsione. Un colpo di frustino sulla natica mi avvisa che non dovevo lasciarlo cadere, ma so che era quello che il Padrone voleva ottenere. Un urlo e quasi rabbia, mi irrigidisco, ma è solo un attimo poi riconosco la punta fredda del plug di vetro della mia coda. L’idea di indossarla m’infradicia, mi lubrifica, entra. “Ora scodinzola cagna!” ma non riesco a farlo a lungo perché mi ferma i fianchi, li afferra, mi tira, mi riempie anche la figa. I Suoi colpi profondi e lenti prendono velocità e lo specchio mi rimanda l’immagine delle mie tette nude che ondeggiano al ritmo del Padrone, la mia bocca aperta la coda alzata sulla schiena inarcata, i fianchi afferrati usati come maniglie, il Suo cazzo che entra ed esce… Vedermi così troia mi fa venire in poco tempo, non appena mi dice di toccarmi, poi una mano sulla schiena, mi spinge, mi abbassa, mi sdraia, mi copre e mi riempie, svuotandosi.
Niente, le calze a rete proprio non mi piacciono.

86 pensieri su “Nella rete delle calze”

  1. A rete, parigine, autoreggenti…l’importante alla fine è starci bene e soprattutto avere quel bel tocco di porcosità che fa la differenza e tu mi sembra li abbia!😈

    "Mi piace"

  2. Ci sono anime segrete
    fregate dall’ispirazion,
    sono persone che hanno sete
    di dadaismo, di astrazion…
    di un erotismo sconfinato
    che sembra quasi una illusion
    come un mistero mormorato
    sui tasti del bandoneon…

    Piace a 1 persona

  3. che meraviglioso racconto 😉 quanta bellezza in questo possesso….quanta passione nel darsi così. Intrigato dal fatto che esistano Donne come te (col dovuto rispetto per ogni donna). Prova con un body intero che ti leghi tutto il corpo…li vendono on line …una rete totale che lasci fuori tette, culo e la tua splendida figa, dominio indiscusso del tuo maestoso Padrone.
    smack

    "Mi piace"

    1. Possesso e sottomissione si alimentano come la nostra passione reciproca. Mi fa piacere che ti piaccia questo racconto. Quando li scrivo lì rivivo così come sono accaduti. Sulla rete totale, mi dispiace ma proprio non mi piacciono, ma ci sono tanti diversi modi per rendermi accessibile al mio Padrone 😉 A proposito: si chiedeva come tu faccia a magnificare una figa che non hai mai visto… 

      Inviato da Yahoo Mail per iPad

      Piace a 1 persona

      1. Beh ritiro quello che ho detto. Certo che non l’ho mai vista, non vedo come potrei, ti ho già scritto via mail che non so chi sia tu. Ti leggo tu . La magniFICAvo appunto …vado di immaginazione, così come succede quando si legge un romanzo erotico, non è necessario conoscere materialmente la figa dell’autrice. Non ho nessun dubbio che sia tutto vero 😉

        "Mi piace"

      2. Possesso e sottomissione sono esattamente come la glicerina e l’acido nitrico, separati sono quasi inerti ma basta mischiarli nelle giuste quantità per avere effetti dirompenti ed impredicibili.

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...