Racconti erotici

Macchie

Gratti, spingi, giri, scavi, apri. Mi apri, mi apro, rilascio. Ti inondo le mani di me. Fuoriuscite di liquido, caldo abbandono. Scorri in me, mi svuoti di ogni resistenza mentale e fisica. Non penso, godo, non spruzzo, tracimo. Abbatti ogni mia difesa, crollano dighe, allago. Macchie scure sulle lenzuola segnano il passaggio di Te in me. “Cagna, hai di nuovo bagnato il letto”. E se come nel test di Rorschach mi chiedessi di spiegarti le macchie risponderei solo: sei Tu Padrone.

Parlando di sesso

Dichiarazione

Il mio culo ti appartiene!
Tutto il resto anche, certo, ma il mio culo è tuo sopra ogni altra cosa.
Ci appoggi le mani con la sicurezza del Padrone, lo afferri, lo tieni, lo giri, lo batti, lo mordi, lo allarghi, lo prendi, lo sbatti, lo sfondi, lo usi.
Arredamento di casa Tua.
Ti strusci tra le natiche per farti riconoscere. La punta del tuo cazzo, come chiave di serratura, mi apre.
Ti riconosce il mio culo.
Ti accoglie, ti agevola, ti tiene, ti culla, ti stringe, ti scalda, ti gonfia, ti svuota.
Si riempie.
Il mio culo è Tuo Padrone.

Parlando di sesso

Schiava a chi?!

Uccellino mi scrive sulla messaggistica del mio profilo Tumblr:

18/11/2017 – “Vieni qui schiava. Inginocchiati. Voglio averti in bocca”
19/11/2017 – “Ciao”
20/11/2017 – “Ehi Molly”
21/11/2017 Legami tu”

Vorrei dire due parole a questo tizio (Uccellino è nome di mia fantasia).

Innanzitutto l’educazione: se contatti qualcuno (a prescindere da chi) come minimo dovresti salutare, presentarti, nulla di formale, ci mancherebbe, ma che so, un “ciao”? Non molto originale, ma è un inizio. Fai uno sforzo e vedrai che qualcosa ti viene in mente.
In secondo luogo non mi sembra che paghi imporre ad una sconosciuta di inginocchiarsi per venirle in bocca, a meno che non siate in un contesto in cui esplicitamente la suddetta sconosciuta ha accettato di farlo e non è questo il caso.
Poi la tua pervicacia nel continuare e scrivere anche in assenza di risposte, avrebbe forse potuto portare i suoi frutti, ma il cambio di argomentazioni mi pare non ti abbia giovato molto in immagine.
Infine vorrei sottolineare che se una donna scrive racconti erotici o pubblica foto esplicite non significa che vuole fare sesso con chiunque, ma nel dubbio puoi accertartene con delicatezza e magari un certo stile, ma non pretendiamo troppo. Concludo rassicurandoti sul fatto che solo una persona può chiamarmi “schiava” e di certo non sei tu. Io ho un Padrone solo e a lui solo mi sono sottomessa.
Fatti un volo, Uccellino e impara a stare al mondo.
Racconti erotici

Oltre i 90

Il Padrone mi blocca per i fianchi, da dietro, mentre cammino. Sulla soglia della stanza il mio culo impatta con la sua erezione sotto i pantaloni. Una mano sulla schiena mi spinge verso il basso: “Giu Molly!” mentre con un piede mi allarga le gambe. Appoggio le mani a terra con un angolazione ben oltre i novanta e rimango in quella posizione mentre il Padrone si slaccia i pantaloni, mi solleva la gonna e inizia a sfregarmi il cazzo sulla figa già fradicia. Si lubrifica il tempo necessario, poi appoggia la punta sul buco del mio culo ed entra con l’attenzione che sempre mette all’inizio, ma che poi abbandona spingendo e sfondandomi come è giusto che faccia con la sua cagna. Tenendomi per i fianchi mi penetra prima lentamente, ma a fondo, poi con sempre più foga facendomi urlare e dichiarare quanto io sia troia, quanto gli appartenga. Di colpo poi si ferma lasciandomi in attesa di non so cosa: “ferma Molly!” Si ritrae senza però uscire. Passano interminabili secondi d’immobilita, finché un “ecco” e sento il mio culo riempirsi di caldo e liquido e non è sborra, ma una lunga pisciata dentro le mie viscere. Mi riempie il Padrone.
Mi gonfio di Lui.

Racconti erotici

Nella rete delle calze

Sul letto, aspetto che arrivi il Padrone.
Un esperimento.
Mai piaciute le calze a rete, mai messe, mai volute.
Un’avversione e le avversioni vanno messe alla prova. Ho scelto dei collant aperti. Scoperto il pube liscio, la figa, il culo. Esposta. La rete mi infastidisce e solo indossando le décolleté nere mi trovo accettabile. Mi rilasso e mi sdraio ad aspettare, prona, come devo stare. I Suoi passi arrivano sulla soglia. Silenzio. Non mi giro, immobile a un Suo “Ferma!” che mi bagna all’istante. Rumori di scatole aperte, fruscii, si sfila la cintura dai pantaloni. Mi afferra le caviglie e mi tira a bordo letto, la cinghia attorno ai polsi a legare le mani dietro la schiena, mi solleva il culo in aria, la faccia sprofondata nel materasso. “Guardati!” dice, spostando le lenzuola e lo specchio per farmi vedere. “Una cagna in calore!” Mugugno quando affonda le dita nella figa per sentire se sono pronta e scivola dentro e mi fruga e gratta e spinge finché non mi sente urlare, ma un attimo prima di farmi squirtare si ferma: “No, oggi no!” Non ho tempo di maturare la delusione, Lui affonda la faccia passando dal culo alla figa, leccando, succhiando, penetrando con la lingua e con le dita, io gemo, e mugugno e urlo e prego che mi sleghi, voglio stare a 4 zampe come una cagna deve. Le mani libere mi costano un plug nel culo che si apre senza sforzo. Il Padrone prende ciò che è suo! Poi molla la presa e il plug si sfila ed esce alla prima contorsione. Un colpo di frustino sulla natica mi avvisa che non dovevo lasciarlo cadere, ma so che era quello che il Padrone voleva ottenere. Un urlo e quasi rabbia, mi irrigidisco, ma è solo un attimo poi riconosco la punta fredda del plug di vetro della mia coda. L’idea di indossarla m’infradicia, mi lubrifica, entra. “Ora scodinzola cagna!” ma non riesco a farlo a lungo perché mi ferma i fianchi, li afferra, mi tira, mi riempie anche la figa. I Suoi colpi profondi e lenti prendono velocità e lo specchio mi rimanda l’immagine delle mie tette nude che ondeggiano al ritmo del Padrone, la mia bocca aperta la coda alzata sulla schiena inarcata, i fianchi afferrati usati come maniglie, il Suo cazzo che entra ed esce… Vedermi così troia mi fa venire in poco tempo, non appena mi dice di toccarmi, poi una mano sulla schiena, mi spinge, mi abbassa, mi sdraia, mi copre e mi riempie, svuotandosi.
Niente, le calze a rete proprio non mi piacciono.

Racconti erotici

Sotto-messa

IMG_5793Accasciata ai tuoi piedi stremata e ansimante mi arrotolo contro le Tue gambe, mi chiudo in abbraccio, mi struscio cercando il Tuo contatto mentre il bruciore dei colpi sulla pelle pulsa. Le frange del flogger pendono dalla tua mano ancora oscillanti dopo l’ultimo colpo, mi sfiorano i fianchi per ora inoffensive. Sento la Tua presenza sopra a me, sopra a tutto, i Tuoi occhi sulla mia schiena, sento il Tuo desiderio, la sua violenza, la sua forza, la Tua forza che è anche la mia. Mi guardi dall’alto e sai che non la dirò la safeword, continuerò a contare facendomi scarnificare piuttosto che dirla perché ogni colpo sancisce l’appartenenza, suggella un patto, prosegue un percorso di fiducia che abbiamo fatto assieme, rafforza la tua volontà di farmi Tua, la mia volontà di esserlo. “Guardami” dici. I tuoi ordini sono sempre detti. Basta questo. Sai la mia fatica nel guardarti in certi momenti, ma lo faccio. Sorridi leggendo la sfida nei miei occhi. Ti piace, Ti stimola, Ti gratifica. L’Hai vista dal primo momento la mia ribellione, non Sei fuggito come altri, Hai raccolto la sfida che ero, non per schiacciarmi, non lo fai mai, ma per vincermi ogni volta stimolando la mia curiosità, la mia voglia di abbandonarmi anche. Docile non mi vorresti, docile non sono. Misuri la tua forza imponendoti sulla mia.
Leggi nei miei occhi, sai che sono pronta a tornare in posizione, ma Ti chini su di me, mi sollevi priva di forze, mi adagi sul letto, mi lecchi i segni rossi su culo e schiena, m’infili una mano nella figa, la trovi fradicia, già lo sai, mi giri “Guardami cagna, sempre”. Sempre ti guardo. Mi metti una mano sul collo. Il resto Lo sai.

Racconti erotici

Piazzola di sosta

Quando siamo saliti in macchina il Padrone non conosceva la destinazione. Non sapeva il dove e il cosa e il come. Ho percorso le solite strade con i Suoi occhi puntati addosso, il sorriso curioso e compiaciuto. Quando sono entrata in autostrada la Sua curiosità non si conteneva, ma una sorpresa di compleanno non va svelata e Lui non mi ha chiesto di farlo. Si è messo comodo sul sedile del passeggero e dopo alcuni chilometri tra camion e musica la sua mano si è appoggiata sulle mie gambe. Mi ha guardata senza fiatare, mi ha esplorato le cosce, si è infilato tra le gambe che ho aperto, è risalito piano verso la scollatura, l’ha abbassata, ha scoperto il seno e ha succhiato il capezzolo destro tra i camionisti che ci suonavano. La sua lingua è risalita verso il collo, mi ha morso il mento, si è infilata nella mia bocca di traverso per lasciarmi guardare la strada. Poi si è riseduto sul sedile ha portato il bacino in avanti, abbassato la cerniera dei pantaloni e mi ha guardata. Gli ho sorriso e gettandomi in corsia di sorpasso gli ho tirato fuori il cazzo già duro. La testa appoggiata all’indietro, gli occhi chiusi, si è goduto una lunga e lenta discesa e risalita della mano lungo il suo cazzo, la ripetizione del gesto, più e più volte, la velocità che aumenta, il soffermarsi sulla punta, la saliva nel palmo della mano per scivolare meglio, la rotazione sopra la cappella e di nuovo giù e sù e poi: “Accosta!”
Nella prima piazzola di sosta la macchina della Società Autostrade. Ancora un paio di chilometri di sega e accosto, spengo la macchina, sgancio la cintura e Lui mi prende la testa e la spinge sul suo cazzo. Lo ingoio avida, lo spinge fino in gola, lo tiene li, mi lascia andare, soffoco, tossico, lo ingoio di nuovo, inizio a lacrimare. Mi lascia muovere la testa, le labbra che si spostano lungo il suo cazzo, lo scoprono, lo riprendono, lo bagnano, lo succhiano finché non esplode in sborra calda che mi riempie la bocca con un getto cosi violento che ingoiarlo mi avrebbe fatta sbrodolare sui suoi pantaloni nuovi e sulla camicia. Mi alzo con la bocca piena mentre Lui ride. Mi guardo attorno, valuto il portacenere, scarto il fazzoletto e in fine apro la portiera, mi sporgo con la testa e sputo fuori tutta la sua sborra. Mente mi alzo giro la testa e dietro di noi è parcheggiata a pochi metri l’auto della Società Autostrade, la portiera aperta, nessuna traccia del guidatore. Guardo il Padrone, scoppiamo a ridere e riprendiamo il viaggio. La sorpresa di compleanno deva ancora iniziare.

Racconti erotici

Provocazioni

Irrequieta vago senza meta, come un leone che solca la gabbia percorrendola in lungo e in largo senza nemmeno cercare l’uscita. Il Padrone mi osserva, tace, ma vedo che mi guarda. Giorni di frenesia, caldo – togli la giacca – fresco – metti la giacca – ricaldo – ritogli la giacca – poi attese, vacanze finite da troppo, bisogno di andare, ma restare, risposte sbagliate, una pacca sul culo, mi avverte il Padrone: “sta buona… ” Lo provoco, lo stuzzico, sorride, reagisce tranquillo, ma bastarda io insisto. Le mie tendenze switch vanno domate o assecondate, lo sa il Padrone e a volte concede a volte punisce. Più spesso si diverte a tollerare la mia impudenza, ma so che riuscirò a farlo esplodere se insisto. E insisto! So essere estenuante a volte. E finalmente arriva a livello, deborda, mi arrossa il sedere, il culo per aria, il plug che lo allarga, mi fruga, mi sfonda, mi tappa la bocca. I polsi bloccati dalle sue mani, il culo riempito da un pezzo di gomma, la figa frugata dalla sua lingua. Non urlo, non posso, ho il suo cazzo in bocca, ma mi squasso convulsa in orgasmo prolungato. Mi lascia, mi guarda, mi accarezza, piano. Aspetta che il fiato ritorni normale. Sorride: “tesoro, ora ti metti tranquilla per un po’?”

“Si Padrone… fino a domani può bastare?”

Brevissime bdsm

Brevissime di Molly

Inginocchiata a terra, piegata pancia e viso sul materasso.
Braccia legate dietro la schiena ai piedi opposti del letto.
“Ci vediamo dopo” e mi benda gli occhi.
Lo sento trafficare nell’altra stanza.
Ritorna.
“Ci sentiamo dopo” e mi mette cuffie stereo. Sparano i Deep purple ad alto volume.
Rapita totalmente dalla musica tengo il ritmo sculettando.
“Che fai Molly scodinzoli?  vuoi la tua coda?”
“No Padrone, sto ballando!”
Non gli è piaciuta! Eh, non gli è proprio piaciuta…